Come presentare un'istanza al Punto di Contatto Nazionale

L'istanza va redatta in forma scritta, con facoltà di avvalersi del modulo disponibile sul sito internet del PCN e allegato alla presente procedura.
L’istanza, una volta redatta, va presentata al PCN in forma elettronica all’indirizzo: pcn1@mise.gov.it.
La presentazione dell'istanza può essere preceduta da contatti informali con il Segretariato del PCN. I contatti informali con il Segretariato non si sostituiscono alla presentazione dell'istanza nelle forme stabilite, comunque necessaria per avviare la procedura.
L'istanza deve contenere:
• gli estremi di chi presenta l’istanza; eventualmente dell’organizzazione rappresentata e dei titolari degli interessi che si intendono tutelare con l’istanza;
• gli estremi delle altre parti coinvolte nonché dei terzi da cui acquisire ulteriori informazioni, con l’indicazione sintetica dei motivi che giustificano il loro coinvolgimento;
• gli estremi dell’impresa multinazionale (o delle imprese multinazionali) nei cui confronti è presentata l’istanza;
• l'indicazione del Paese/dei Paesi nel/i cui territorio/i sarebbero sorte le questioni;
• la descrizione circostanziata dei fatti oggetto della controversia con l'indicazione dei principi e delle raccomandazioni delle Linee Guida che si ritengono applicabili al caso concreto, ivi inclusi documenti (anche in copia) ed altri elementi tali da conferire all’istanza rilevanza e credibilità;
• l'indicazione eventuale dei dati, tra quelli forniti con l'istanza, ritenuti strettamente confidenziali e di quelli per i quali si chiede che non vengano comunicati neanche alla/e controparte/i. Su tali indicazioni il PCN si riserva di effettuare una propria valutazione, di cui informa l'istante/gli istanti;
• l'indicazione delle autorità nazionali e/o internazionali, pubbliche e/o private, nonché degli altri PCN presso cui – per quanto a conoscenza dell’istante – è pendente o si è concluso un procedimento sugli stessi fatti oggetto dell'istanza o su fatti connessi (cd. procedimenti paralleli);
• la richiesta al PCN di prestare i buoni uffici per contribuire alla soluzione consensuale delle questioni sollevate, con l’illustrazione indicativa degli esiti auspicati;
• la firma di chi presenta l’istanza.

Successivamente alla presentazione dell’istanza non è consentito all’istante proporre nuove questioni.

Entro una settimana dalla ricezione dell’istanza, il PCN dà conferma all’istante della ricezione medesima e ne informa l’impresa coinvolta.

I requisiti e le modalità da seguire per la presentazione di una istanza sono illustrate in maggior dettaglio nell’apposito Manuale per la gestione delle istanze specifiche presentate al Punto di Contatto Nazionale italiano

 


Questa pagina ti è stata utile?

NO